Posizionamento su Google: Come Risultare più Autorevoli.

Articolo scritto da -

posizionamento su google

Il mantra della visibilità sui motori di ricerca (in particolare per il posizionamento su google) è da anni quello di essere il canale più idoneo alla vendita, poiché posizionandosi su query commerciali (es. “nome prodotto“) si intercetta lo Stato Mentale ideale dell’utente propenso all’acquisto.

 

Tutto vero, non si può negare, rispetto magari a canali di marketing più conversazionali e in odor di branding come i Social Media.

 

IMHO – in my humble opinion – il problema sorge quando si imbastiscono dei derby sulla superiorità presunta di uno o dell’altro canale, al quale corrispondono diverse professionalità.

Sono scaramucce che non hanno senso, e sono stucchevoli considerando la domanda di visibilità molto più grande rispetto l’offerta (insomma, ci sono ancora dei margini altissimi di crescita).

 

Costruire la propria brand authority su Google

Il tutto è maggiore della somma delle sue parti. – Aristotele

 

Ragionare in ottica di Web Marketing Mix ti permette di andare oltre alle “lotte di quartiere” per iniziare a lavorare in modo produttivo: ad esempio hai mai pensato a come costruire l’autorevolezza su Google?

 

Alla brand reputation e alla sua crescita di solito si delega ai Social Media e alla cura del cliente attraverso questi canali. Va benissimo, è un canale più idoneo e di conversazione diretta con il cliente.

 

E se il brand iniziasse a sfruttare il contenuto su più canali? Considera la situazione attuale:

  1. Posizionarsi su query commerciali è sempre più difficile sia per la natura delle SERP che per l’invasività degli annunci (Google Shopping) che fanno crollare il click-through rate del miglior posizionamento organico.
  2. In certi settori molto competitivi ci sono portali (e brand) pigliatutto che si sono costruiti con il tempo, sviluppando su larga scala e su più canali una presenza capillare.

 

Le soluzioni “convenzionali” sono poche: iniziare il bagno di sangue e denaro della presenza paid, posizionarsi senza ritorno data la presenza dei giganti, lasciare tutto e accarezzare l’idea di aprire una norcineria (che in realtà ci si guadagna in salute mentale e ci si circonda di salami e prosciutti. Che altro desiderare?).

 

Puntare sul contenuto può aiutarti ad aumentare la tua autorevolezza. Anche sul canale di ricerca organica.

Ecco cosa significa creare contenuto di valore

Essere presenti sulle query commerciali è quindi questione di “una botta e via” a livello di fidelizzazione. Metti un anello al dito del tuo utente, incastralo in matrimonio felice.

Insomma, se Tony Stark – miliardiario, playboy, filantropo –  ha messo la testa apposto per Virginia “Pepper” Potts, un motivo ci sarà.

 

Essere presenti sulle query informative, di lunga coda, in odor di Hummingbird del tuo settore di riferimento ti rende più autorevole, o per rimanere nell’ambito della metafora più maritabile anche a livello di conversione finale.

 

Lato SEO è possibile posizionarsi anche con il solo contenuto, sai? Un mio storico caso studio sul segmento di mercato del fumetto è ancora valido a riguardo, I suppose.

 

Rimbalzando sul difficilissimo mercato tecnologico, in quanti non ne trovano un sinonimo nel lavoro svolto da Salvatore Aranzulla? C’è forse una SERP che si è lasciato sfuggire in questo campo, dove non è presente?

 

Non c’è nessun segreto dietro: “basta” scrivere per gli utenti, soddisfare un loro bisogno. Anzi, più bisogni.

 

Il Content Marketing non è per tutti

Sono però consapevole che questa strategia di Content Marketing per essere autorevoli su Google (=presenti su molte delle query informative della propria nicchia) non è per tutti.

 

Entra in gioco l’unico vero B.O.T. del web: Budget, Obiettivi, Tempistiche.

Sviluppare un piano editoriale SEO Friendly , ad esempio, non è affatto cosa semplice se non si hanno chiari i tre fattori sopra evidenziati. Poi è vero che alcuni settori necessitano di un surplus di pensiero laterale: anche se, dopo aver scoperto le gare di trattori per promuovere le proprie macchine agricole, mi rendo conto che l’unico limite che ci poniamo è quello imposto da noi stessi.

 

Tu cosa ne pensi? Si può sfruttare Google per creare autorevolezza?

 

Commenta Qui sotto

SEO e Copywriter. Aiuta quotidianamente singoli e aziende a trovare la giusta visibilità sul canale Search del Marketing.

Condividi!

Condividi questo post con i tuoi amici!