I fan di Facebook sono importanti: trasformali in clienti

Articolo scritto da -

facebook-140903_960_720Sul web si trovano molti consigli per ottenere il meglio dagli strumenti che utilizziamo tutti i giorni, per esempio i fan di Facebook possono diventare dei clienti. Dietro i like e i commenti vi sono degli utenti in carne e ossa, e sfruttando le tecniche del marketing online quei numeri possono trasformarsi in fatturato. Su Millionaire del mese di ottobre è stata pubblicata un’interessante intervista a Jacopo Matteuzzi di Studio Samo, agenzia web e centro di formazione che si occupa proprio di marketing online.

Se i fan di Facebook rimangono intrappolati nella rete vi sono poche possibilità che possano trasformarsi in numeri concreti a fini economici. Purtroppo le aziende sono interessate solo alle vanity metrics (metriche di vanità), numeri che contano solo per far capire alla concorrenza che si è più forti; una bella immagine sicuramente è importante, ma sono i servizi offerti quelli che fanno la differenza nella vendita. Facebook offre la possibilità alle aziende di fare pubblicità in maniera diretta e di creare dei gruppi di utenti cui inviare determinati messaggi. Questa opzione è disponibile solo previo pagamento e consente di ottenere anche gli indirizzi mail di quei fan che hanno caratteristiche simili ai gruppi di utenti già fidelizzati.

Il passaggio da fan di Facebook a clienti è fondamentale e non avviene per caso: l’azienda infatti deve offrire qualcosa in cambio. È come andare dal salumiere e fare la degustazione di un nuovo formaggio, chi vende software deve offrire una prova gratuita o una demo, chi offre consulenza deve registrare un video o scrivere un e-book, chi ha un negozio può offrire buoni sconto.

Il marketing online non è una battaglia di prodotti ma di percezioni, e Matteuzzi sostiene che una buona strategia deve comprendere anche le landing page, ovvero pagine create ad hoc per far percepire il valore dell’offerta. Dopo aver attirato i fan, bisogna puntare sul lead nurturing, ovvero “nutrire” i clienti, inviando mail che invitano a leggere gli articoli presenti sul sito, sondaggi, senza stressarli troppo altrimenti il rischio è di essere considerati degli spammer.

Commenta Qui sotto

Valeria Martalò

Blogger e Web Writer. Racconta, su Quintuplica, le storie vere di chi ha cambiato vita, grazie a una nuova professione o avviando un'attività.

Condividi!

Condividi questo post con i tuoi amici!