Perché un Blog Aziendale fa crescere la tua Visibilità

Articolo scritto da -

I blog non sono morti. Anzi! Se sei un imprenditore – specialmente di un’azienda medio-piccola o individuale – o un professionista con partita Iva, il blog aziendale rimane, a mio avviso, il veicolo più efficace per incrementare la tua visibilità. E di conseguenza il tuo business e le vendite.

Si può aprire in pochi minuti, a costo zero. E richiede una gestione non eccessiva, che puoi organizzare con un semplice piano editoriale. Tutti i principali esperti di web marketing, insieme a una presenza importante sui social network (Facebook, Twitter, Instagram), sono concordi sul fatto che un blog costantemente aggiornato risulta imbattibile sotto ogni punto di vista, SEO e non.

In questi ultimi tempi, lavorando con imprenditori non troppo esperti di comunicazione digitale, mi sono accorto di come moltissime imprese (artigiane, commerciali, studi professionali) siano ancora “incrostate” al vecchio sito internet, pieno zeppo di spiegazioni tecniche che non interessano più a nessuno.

Il blog è l’evoluzione di questa staticità comunicativa. È l’additivo nel motore. E’ contenuti in movimento, è aggiornamento. E, soprattutto, è una voce personalizzata, una sorta di guida che aiuta il lettore (potenziale cliente) a conoscere la tua attività, a capire perché sei bravo e in che modo puoi essergli utile.

Il blog trasforma facilmente tutti noi in semplici reporter che raccontano il proprio business avendo a cuore – emotivamente – le sorti dell’azienda. Difficilmente infatti un’impresa vende solo un prodotto: legato a questo c’è sempre un’esperienza, un percorso di conoscenze e competenze. C’è un approccio di assistenza al cliente che è garanzia di affidabilità.

Tutte cose che vanno spiegate, illustrate, proposte. Perché noi umani non siamo attratti dagli oggetti in sé, ma da ciò che rappresentano per noi. Siamo interessati a quello che possiamo farci, per come ci relazioniamo con gli altri attraverso il loro utilizzo.

Trasparenza dietro le quinte

In tempi non facili come questi, la rete può dunque diventare uno strumento ideale per cercare nuove opportunità di business e aumentare la visibilità della tua impresa.

Il blog aziendale (o corporate blog) ha un vantaggio rispetto agli altri canali social: ha lo spazio per raccontare delle storie un po’ più lunghe dei 140 caratteri di Twitter, o dei post alquanto iconografici di Facebook e Instagram. È molto utile – specie se sei un consulente o un libero professionista che desidera farsi conoscere – perché ti dà l’opportunità di svelare retroscena, di far intravedere il dietro le quinte della tua attività.

Il pubblico si è ormai abituato e affezionato a tutto ciò. Sarà un po’ per l’effetto “grande fratello” imperante, e un po’ per l’esigenza – molto 2.0 – di andare oltre le apparenze, senza accontentarsi della classica comunicazione markettara.

Il blog ti servirà a fidelizzare le persone, non a vendere direttamente. Con uno spazio del genere potrai suscitare interesse nel tuo pubblico perché comunicherai autenticità, trasparenza, immediatezza. Grazie alle relazioni e alla fiducia che saprai conquistare, stabilirai un contatto diretto con il tuo target, invitando le persone a esprimere i loro commenti su quanto pubblicato.

Per esperienza, rispetto alla gestione di un blog, ho constatato l’importanza di avere ben presenti due obiettivi:

  1. Andare oltre la vetrina e raccontare ciò che non si vede della tua attività (sarebbe meglio dire “il dietro i prodotti e servizi”).
  2. Fornire contenuti unici ed eccezionali sulla materia che hai deciso di trattare, ovvero una serie di “dritte” che puoi snocciolare in base alla tua esperienza.

Un esempio? Nel mio blog (ScritturaVincente.it) da un lato c’è una tipologia di articoli, di carattere formativo e nel mio caso legati al copywriting, dove spiego ed indico strategie e tecniche per scrivere contenuti efficaci. Di fatto: come produrre testi online e offline utili a promuovere meglio il proprio business. In questo caso, ad esempio, potrei parlare di tecnica delle 5 W per scrivere un attacco giornalistico, o di titoli persuasivi e oggetti efficaci per un’e-mail. Dall’altro racconto esperienze e retroscena legati a clienti ed eventi a cui sto lavorando. In questo periodo, ad esempio, sto organizzando un Blog Tour per un’azienda che ha cambiato sede, e vuole farsi conoscere da un determinato pubblico. Stiamo studiando in che modo coinvolgere i blogger e quali attività potranno raccontare attraverso i loro canali web e social. Uno spunto potrebbe essere quello di fare un post per spiegare ai miei lettori come si coordina un Blog Tour e quale girandola di emozioni vengano vissute nelle 48 ore di un evento del genere.

Il blog per aumentare visibilità online

Non dimenticare che i blog sono molto ben considerati dai motori di ricerca. Usa bene quindi le parole chiave inerenti al tuo settore, così da poter scalare velocemente posizioni nelle pagine di Google. Tutto questo facilitato dal fatto che l’investimento è minimo (più di tempo che economico) e le tecnologie a disposizione sono ormai semplici da utilizzare e alla portata di chiunque.

Con un blog sei dunque in grado di far conoscere la filosofia aziendale, coinvolgendo lettori e utenti a parlare del tuo prodotto o servizio. Sono molte infatti le imprese che, usando questa piattaforma, da un lato rispondono alle domande dei clienti (customer satisfaction) e dall’altro forniscono una panoramica generale sui temi più gettonati dal mercato di riferimento.

Mi permetto di consigliarti un aspetto: non sottovalutare i requisiti che deve possedere la persona (o le persone) che dovranno scrivere sul blog aziendale. Oltre a una buona padronanza della materia, non può mancare la capacità di comunicare. Magari starai pensando: «Prima ci dici che gestire un blog è semplice e alla portata di tutti. Ora invece ci stai allertando sul fatto che chi scrive deve avere doti comunicative…».

È vero, ma una cosa non esclude l’altra. Le due opzioni non sono in contraddizione se vuoi generare il mix perfetto affinché i tuoi testi catturino l’attenzione del lettore. Essendo un blog aziendale, la pianificazione deve essere accurata, è un elemento che fa parte della strategia di comunicazione della tua impresa. Aprire un blog è semplice, ma anche fare un flop è altrettanto facile.

Il tuo investimento, di tempo e denaro, deve promuovere un nuovo modo per l’azienda di relazionarsi col mondo esterno. In questo, i professionisti possono aiutarti a creare quelle basi che poi ti permetteranno di muoverti da solo. Se nella tua attività c’è qualcuno – te stesso? un tuo collaboratore? – che conosce molto bene la vita dell’azienda, allora fai in modo che possa sviluppare con l’aiuto di un esperto la capacità di scrivere contenuti in maniera più efficace. Se invece disponi di qualcuno già abile nella comunicazione, allora mettilo al centro dell’impresa e aiutalo ad avere più informazioni possibili su quello che sta accadendo, in tempo quasi reale. Non c’è cosa peggiore infatti di escludere dai flussi di comunicazione le persone addette a gestire i siti internet, i canali social….

Ultima sequenza di consigli pratici

  • Scrivi cose utili, che servano subito al tuo lettore.
  • Parla di te e dei tuoi prodotti in modo molto amichevole.
  • Incoraggia il dialogo tra la tua azienda e i potenziali clienti.
  • Mostra lati accattivanti. Una buona idea sono le interviste sul campo, sondaggi, questionari.
  • Cerca di trattare un argomento unico, con sottocategorie inerenti al tema madre.
  • Pubblica con regolarità (2-3 post a settimana).
  • Non vendere in maniera diretta. Piuttosto fai dei link a pagine dedicate di taglio commerciale.
  • Utilizza biografia e foto per rendere viva la tua immagine.
  • Rispondi velocemente ai commenti.
  • Pubblicizza il link del blog (in tutte le e-mail e nel sito aziendale).
  • Lascia il discorso aperto con domande che favoriscano la conversazione.
  • Non duplicare contenuti presi altrove: il copia-incolla fa scendere la tua credibilità (e la reputazione nei motori di ricerca).
  • Dai un nome efficace anche alle immagini.

Sei pronto a promuovere il tuo business con efficacia?

Commenta Qui sotto

Giornalista, storyteller e copywriter. Ha ideato il metodo - "Scrittura Vincente!" - per narrare e promuovere i brand in maniera innovativa.

Condividi!

Condividi questo post con i tuoi amici!