Pubblicità per negozi: 6 mostruosi errori da evitare!

Articolo scritto da -

pubblicità per negozi

Se sei un commerciante e hai già capito l’importanza di fare pubblicità per il tuo negozio, allora questo articolo fa per te. Si sà che senza pubblicità non si va da nessuna parte – niente visibilità, niente clienti, niente profitti – ma quello che dovresti chiederti è:

 

Qual è la migliore pubblicità per negozi che io posso utilizzare?

La pubblicità online!” – ormai cantano all’unisono molti blog. Peccato però che la maggior parte di loro non ha nessuna esperienza nel campo reale e non conosce davvero la realtà di un negozio. Infatti, la verità è che la pubblicità online è certamente molto efficace, ma solo se sai come farla. Altrimenti ti risucchierà in un vortice di costi assurdi che non portano a nulla.

 

La maggior parte dei negozianti affida ancora la propria visibilità (sempre se lo fa) a giornali, riviste, manifesti, volantini, radio, TV Locali,  etc… ignorando completamente il web.

Quindi? Prendiamo di forza i negozi che non usano internet e li obblighiamo a farlo? Assolutamente no, anzi, la pubblicità classica per molte realtà è ancora super efficace perchè ti permette di avere un grado di penetrazione della tua zona che il web NON SEMPRE HA.

 

Questa voglio ripetertela perchè è davvero fondamentale:

La pubblicità classica è ancora molto efficace perchè ti permette di avere un grado di penetrazione della tua zona che il web NON SEMPRE HA.

 

Vedi, nessuno degli “esperti” della rete te lo dice, ma se il tuo negozio non ha un e-commerce e non può vendere online, il potere del web si riduce drasticamente e le strategie di marketing su Facebook, Google plus, SEO, twitter, etc… sono difficili da usare, soprattutto per una realtà che lavora fortemente a livello locale e che magari non ha abbastanza tempo per seguire tutti questi strumenti.

 

Vuoi un esempio di ciò che abbiamo visto fare a molti negozianti inesperti?

Vai su Facebook e prova ad impostare la tua pubblicità in modo che venga vista solo ad un raggio di 30km dal tuo negozio. I risultati saranno scarsissimi, perchè:

  • o decidi di farti vedere da tutte le persone di quella zona senza scegliere un pubblico realmente interessato, e in questo caso butteresti via soldi perchè avrai dei “mi piace” di persone che non verranno mai in negozio,
  • oppure il numero di persone che vedranno il tuo annuncio e saranno davvero potenziali clienti sarà bassissimo, perchè Facebook ancora non riuscirà a profilarne a sufficienza.

 

Fai attenzione, questo non significa che gli strumenti online non servano a nulla, quello che intendo è che vanno utilizzati in modo molto avanzato e per questo richiedono una pianificazione più approfondita che va oltre l’inserire una semplice pubblicità con un click.

Infatti prima devi lavorare sulla tua differenziazione, sull’adottare un modello di marketing per raccogliere contatti e inviare newsletter, dovresti creare un dialogo con il tuo pubblico… insomma, c’è parecchio da fare e da imparare. Mettiamola così:

 

“La pubblicità online potrà essere la più efficace, ma solo dopo averla imparata ad un livello avanzato, la pubblicità classica è più semplice da imparare e per questo è la più efficace per un neofita”

 

Quindi? Mentre studi il marketing online non fermarti, anzi, usa la pubblicità classica e comincia ad ottenere solidi risultati, ma stai attento, evita a tutti i costi questi sei errori che abbiamo codificato (e di cui parliamo nel corso “Pubblicità d’Impatto per Negozi“):

 

Pubblicità per negozi | Orrore #1 – Mostrarla nel punto sbagliato.

Per chi investe in pubblicità classica questo è certamente l’errore più frequente.

Di solito il negoziante affida la pubblicazione dei manifesti ad un’agenzia esterna ma senza controllare dove vengono posizionati.

Basta guardarsi intorno mentre si va in auto per capire quante sono le pubblicità che non si riescono nemmeno a vedere o messe in punti dove non passa nessuno.

La stessa cosa vale per le inserzioni nei giornali e per i volantini: sei sicuro che vengano messi in punti che attirino l’attenzione di un numero sufficiente di persone?

 

Pubblicità per negozi | Orrore #2 – Rivolgersi a tutti.

Lo stesso prodotto o servizio potrebbe essere acquistato da diverse tipologie di persone. Ad esempio se hai un negozio di articoli sportivi, potresti avere un pubblico appassionato di tennis e un’altro appassionato di snowboard.

Quindi la pubblicità è bene che sia generica così riesco a prenderli entrambi, corretto?

No, sbagliatissimo!

 

Se vuoi buttar via soldi questo è il modo migliore, infatti se nelle tue campagne sei generico NON è vero che prenderai tutti i tuoi potenziali clienti, per la verità non prenderai proprio NESSUNO.

Questo succede perchè siamo in un’epoca dove, bombardati da migliaia di stimoli e spot pubblicitari, il nostro inconscio si è abituato ad ignorarli, a meno che la pubblicità non sia specifica per lui.

Devi parlare con la sua lingua e circoscriverlo ad un gruppo ben definito. Riprendiamo l’esempio di prima. Se il negozio di articoli sportivi si pubblicizzasse in modo specifico sul tennis sarebbe proprio come se chiamasse “per nome” tutti i tennisti.

 

Pubblicità per negozi | Orrore #3 – Parlare del tuo negozio

Un altro errore molto vicino a quello precedente riguarda quei commercianti che creano pubblicità dove parlano solo del proprio negozio. Qui vale la regola di prima, se parli di TE al passante non importa nulla e ti ignorerà.

Quindi da oggi, inizia col ridurre e di parecchio la dimensione del tuo logo.

 

Pubblicità per negozi | Orrore #4 – Non risolvere il problema.

Quello che devi fare è parlare di un singolo prodotto o iniziativa che risolva un problema, un’esigenza o una passione del tuo pubblico.

Infatti, continuando l’esempio precedente, se parli ai tennisti con il tempo imparerai anche a capire quali sono i loro problemi o le passioni che li spingono maggiormente all’acquisto.

Se ad esempio capisci che questo è il momento di un tennista famoso allora potrai pubblicizzare i tuoi articoli puntando sulla passione che il tuo pubblico ha per questo campione. E’ così che attirerai la loro attenzione.

 

Pubblicità per negozi | Orrore #5 – Non connetterla al sito web.

Quando un potenziale cliente vede la tua pubblicità cosa ti aspetti che faccia? Che smetta di fare tutto ciò in cui è impegnato e che venga da te? Ovvio che sarà molto difficile, quindi che fare?

Cosa è più comodo per LUI?

Potrà andare comodamente sul tuo sito web con il suo smartphone e con le giuste strategie riuscirai a raccogliere il suo contatto email e ad agganciarlo.

 

Pubblicità per negozi | Orrore #6 – Sito web non mobile.

Questo errore è conseguenza diretta del punto precedente, ma purtroppo è ancora pieno di negozi che vi incappano.

Cosa accade se un potenziale cliente va sul tuo sito con il cellulare e gli risulta illeggibile o difficile da navigare? Se ne va. E tu hai buttato via i soldi della tua pubblicità.

 

E per finire?

Fare pubblicità per negozi è facile, ma lo è altrettanto incappare in questi errori. E ti garantisco che sono solo alcuni di quelli che io ed Elena vediamo tutti i giorni.

Fare pubblicità classica è efficace e semplice, ma come ogni cosa occorre impararla per questo puoi approfondire l’argomento con il corso: “Pubblicità d’Impatto

 

Ti auguriamo di diventare un maestro delle pubblicità perchè la tua vita commerciale cambierà per sempre.

 

A presto!

Elena & Roberto

Commenta Qui sotto

Se stai cercando di capire come riempire il tuo negozio di clienti, Elena & Roberto hanno le risposte che stai cercando.

Condividi!

Condividi questo post con i tuoi amici!