Baby professioni: idee di successo per donne

Articolo scritto da -

donne-partorientiLe due idee di successo di cui ti vogliamo parlare oggi sono molto particolari. Leggendo il titolo “baby professioni” avrai pensato ad un servizio tipo “Sos Tata” per schedare le migliori baby sitter del globo terrestre, invece no! Ancora una volta vogliamo stupirti per darti vedere come è possibile inventare un lavoro partendo da zero, intercettando una nicchia.

Negli Stati Uniti è stata costituita un’associazione di fotografi che lavorano in sala parto. I fotoreporter da sala parto sono molto richiesti. In Texas ce ne sono più di 400. Il compenso per un book varia da 700 a 2000 dollari e se stai pensando che si tratta della solita americanata ti sbagli di grosso perché pare che si stia diffondendo anche in Italia questa nuova usanza, e piace alle mamme anestetizzate che non possono sentire il primo vagito della creatura che avevano in grembo. Forse è davvero finita l’era delle foto ai posaceneri e alle bottiglie di birra. Guarda il sito www.birthphotographers.com e fatti un’idea prima di pulire l’obiettivo della tua reflex.

Laura Cocchetti invece è una quarantenne di Vigevano che era socia titolare di un’officina di carpenteria prima di insegnare ad allattare al seno. La sua professione dal 2011 è “consulente all’allattamento” riconosciuta anche a livello internazionale (Ibcic) e si accede solo dopo aver superato un esame di abilitazione. Dopo la maternità ha seguito dei corsi di sostegno per mamme che allattano in cui le hanno spiegato tutti i benefici dell’allattamento da quelli fisici e psicologici sia per la madre che per il bambino. Allattando inoltre vi è un beneficio di tipo economico perché la famiglia non deve sostenere le spese per l’acquisto del latte in polvere. Incuriosita da questo mondo, Laura Cocchetti ha frequentato corsi più specifici della durata di sei mesi che avevano un costo di 200 euro ed erano rivolti a mamme che avevano già affrontato lo svezzamento.

Dopo aver completato l’iter di formazione e aver acquisito la qualifica, Laura ha aperto un sito per promuovere la sua associazione e la nuova attività. Ci sono varie offerte: dalla consulenza a domicilio che ha un costo di 60 euro per 90 minuti, agli incontri di gruppo la cui tariffa è di 12 euro a mamma. Grazie al passaparola il suo business ha preso il volo anche se è molto difficile aiutare le mamme alle prime poppate perché si affidano ai parenti o al personale sanitario che non è stato adeguatamente formato e fornisce informazioni sommarie e sbagliate. Questo è il suo sito: www.allattamentoibcic.it.

Commenta Qui sotto

Valeria Martalò

Blogger e Web Writer. Racconta, su Quintuplica, le storie vere di chi ha cambiato vita, grazie a una nuova professione o avviando un'attività.

Condividi!

Condividi questo post con i tuoi amici!