La storia di Reed Hastings: l’uomo che ha fatto fallire Blockbuster

Articolo scritto da -

reed-hastings-e1402336895493Reed Hastings nel 1998 ha fondato Netflix. All’inizio doveva essere solo un servizio di noleggio film online, oggi ha cambiato le abitudini degli americani.

Reed Hastings ha restituito un film in ritardo e ha preso una multa da 30 euro. Fantascienza? Assolutamente no. Il fondatore di Netflix ha 53 anni e grazie a quella brutta disavventura ha cominciato a riflettere sul settore di noleggio film e alle prospettive che poteva offrire. Con una laurea in informatica all’Università di Stanford decide di fondare Pure Software, un’impresa di programmazione e mostra grande fiuto per gli affari. Nel 1995 l’azienda viene quotata in borsa e dopo essere stata inglobata nella Ibm, Reed Hastings decide di lasciare per sempre la sua creatura perché troppo burocraticizzata e poco agile.

Nel 1998 riceve quella multa di cui ti abbiamo raccontato all’inizio dell’articolo. Prima di tutto Hasting acquistò un dvd e lo spedii a casa sua per posta. Dopo 24 ore il pacchetto arrivò a casa sua in perfetto stato e si appassionò a quest’idea anche se il dvd era poco diffuso ancora e la sua duplicazione impossibile. Però Reed Hastings continua a fare delle prove e batte Blockbuster perché il noleggio avveniva online e in pochi passaggi, i film venivano recapitati a domicilio e soprattutto: non c’erano multe per la restituzione in ritardo!

I server del sito dopo appena 90 minuti dal lancio subirono una caduta a causa del numero di visite e in soli 4 mesi di attività vennero noleggiati 20mila dvd. Purtroppo i maggiori ricavi derivavano dal settore delle vendite e ben presto Amazon sbaragliò la concorrenza. Hastings però intuì che poteva tentare la strada dell’abbonamento video, poco battuta. Dopo il lancio nel 1999 registrò un nuovo successo e la mente creativa stava già pensando ad un software per guardare i film in streaming. Blockbuster convertiva vhs in dvd e l’azienda di Hastings sbarcava in borsa. Il resto è una storia fatta di numeri e percentuali basata sul modello vincente dello Svod (Subscription Video On Demand) che consente una visione illimitata di streaming di un’ampia lista di film e serie.

Commenta Qui sotto

Valeria Martalò

Blogger e Web Writer. Racconta, su Quintuplica, le storie vere di chi ha cambiato vita, grazie a una nuova professione o avviando un'attività.

Condividi!

Condividi questo post con i tuoi amici!