Lavorare nel web diventando food storyteller

Articolo scritto da -

086_Liza_De_Guia_070_Web1-713x400Questo non è l’ennesimo articolo in cui ti spieghiamo “come guadagnare su internet”. Prova a scorrere la home di Facebook, quanti dei tuoi amici hanno deciso di cambiare vita e fanno finalmente un lavoro che gli piace? Se la risposta è “tanti” puoi aggiungerti anche tu a loro, se invece è “nessuno” pensa che potresti essere proprio tu il primo, o la prima! La storia che ti raccontiamo oggi viene proprio dalla rete. Hai mai sentito parlare di food community? Quando l’innovazione sposa la buona cucina ecco che “spuntano come funghi” le startup che raccontano il cibo, gli addetti ai lavori si chiamano food storyteller. Come saprai “non tutti i funghi sono commestibili”, ecco perché devi leggere queste tre storie di food storytelling di successo.

Innanzitutto devi sapere che in questo settore è molto importante metterci la faccia perché il tuo racconto deve puntare dritto al cuore del consumatore: Come fare? La prima cosa da fare è parlare del processo di produzione, mostrando per esempio le ruvide mani dei contadini che coltivano i pomodori. Inoltre bisogna renderlo protagonista coinvolgendolo sui social media.

La piattaforma Primo Taglio ha scelto di arruolare dei fattorini speciali chiamati messaggeri del gusto che oltre a consegnare il prodotto offrono tanti consigli su come cucinarlo. Quante volte hai chiesto al tuo salumiere se per la carbonara fosse meglio il guanciale alla pancetta? Sull’e-commerce vi sono circa 400 prodotti (latticini, salumi, yogurt, confetture) che arrivano a casa della gente.

Una nota catena di ristoranti latinoamericani invece ha deciso di rendere fruibile il menu su Instagram con l’hastag #ComodoMenu. Quante volte hai atteso invano che il cameriere te ne portasse uno per ordinare? Sfruttando l’hastag i clienti possono partecipare attivamente alla creazione dei piatti. Anche qui in Italia esiste qualcosa di simile. Marco, Claudia e Francesca hanno un laboratorio di cucina per riscoprire i sapori della cucina sana e genuina. Sul portale Saleinzucca.bo.it viene condiviso ogni settimana un menu diverso, con prodotti di stagione e a km zero.

Dulcin in fundo ti raccontiamo la storia di Cucina Mancina, la prima food community italiana pensata per chi mangia differente, come i vegani. Lorenza Dadduzio e Flavia Giordano sono due giovanissime mamme pugliesi che condividono i loro esperimenti culinari. Ogni piatto è un’occasione per raccontare l’importanza di mangiare sano e sfruttano la rete per moltiplicate contenuti e valori.

Commenta Qui sotto

Valeria Martalò

Blogger e Web Writer. Racconta, su Quintuplica, le storie vere di chi ha cambiato vita, grazie a una nuova professione o avviando un'attività.

Condividi!

Condividi questo post con i tuoi amici!