Ricicla-Ricondiziona-Rivendi e fai soldi

Articolo scritto da -

417790895_1280x720Il futuro è sempre più green e anche dare una seconda vita alle cose rientra in questo “progetto”: Il fenomeno è esploso negli Stati Uniti, ma ci ha messo pochissimo tempo ad arrivare anche qui in Italia. Molte aziende acquistano oggetti usati, li rimettono a nuovo e li rivendono. La maggior parte degli oggetti appartiene al mondo della tecnologia: cellulari, computer. Anche le biciclette, gli strumenti musicali e i passeggini però possono risorgere.

Nel nostro bel paese, la realtà più significativa è quella di Ri-Store, un aggregato di aziende che si occupa di re-commerce. Noi però abbiamo deciso di raccontarti 3 storie a cui puoi ispirarti per re-inventare la tua vita.

Daniele Badiali ricondiziona i computer e li vende come nuovi. Ogni anno la sua azienda acquista desktop dismessi da grandi aziende. I privati non li tiene in considerazione perché per razionalizzare il processo è necessario lavorare su pezzi identici. I pc ricondizionati hanno un buon prezzo e sono affidabili come quelli nuovi o assemblati. Se ci pensi il mercato del nuovo è ormai saturo, ecco perché questo settore rappresenta il futuro. Se vuoi dare un’occhiata a quello che fa Daniele Badiali visita il suo sito: www.pc-usati.com.

Valerio e Jacopo Borgato sono due fratelli con la passione per le bici vintage. Inizialmente lavoravano in cantina e vendevano le loro bici su eBay, poi hanno aperto un sito internet. Hanno raccontato che non riescono ancora a mantenersi con questo lavoro, però vi sono delle prospettive interessanti perché per recuperare una bici si può spendere sino a 100 euro (dipende dal modello e dai materiali utilizzati) e la rivendita può raggiungere anche 250 euro. Ovviamente quando ricevono la bici a costo zero la valutazione scende però molte persone si sono mostrate sensibili e piuttosto che recarsi al centro commerciale affidano a loro le biciclette. Questo il sito: www.recicli.com.

Daniele Vitali ama la Vespa ed è il titolare di un’officina dedicata alla due ruote più famosa della storia italiana. Nel 2009 ha deciso di fare il grande passo mettendosi in proprio e acquistando le vecchie Vespa. Purtroppo si tratta di un lavoro stagionale perché la richiesta aumenta in primavera e in inverno scarseggia, ma gli affari funzionano perché i collezionisti non badano a spese. Fai un giro sul suo sito www.puntovespa.com.

Negli Stati Uniti il fenomeno del re-commerce è nato circa tre anni fa e ora, complice la recessione, ha trovato il seguito di migliaia di consumatori che cercano occasioni a buon mercato, usato garantito e oggetti del desiderio come Pc a prezzi bassi. Tra i casi più famosi vi citiamo Gazelle e Recellular, per cellulari e tablet. Un iPhone 3GS da 32 giga, per esempio, costa soltanto 200 dollari. Amazon da qualche mese ha avviato una sezione ‘’factory refurbished” in cui si trova di tutto, e la qualità è comunque ottima.

In tempi di crisi, le aziende e gli e-commerce che sfruttano la voglia di risparmiare del consumatore sono sempre al top. Altri esempi tutti italiani? Baby Bazar (articoli per l’infanzia), Mercatopoli (tutto di seconda mano), Cash converters (Hi-fi, smartphone, orologi, macchine fotografiche), Punto Vespa (scooter Vespa), Rewind Selection, nata in Toscana per realizzare borse e accessori con le vele usate.

Commenta Qui sotto

Valeria Martalò

Blogger e Web Writer. Racconta, su Quintuplica, le storie vere di chi ha cambiato vita, grazie a una nuova professione o avviando un'attività.

Condividi!

Condividi questo post con i tuoi amici!